Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


Quale Commissione per le Pari Opportunità fra donne e uomini? Di Maria (Milli) Virgilio

on .

Ho cercato di capire di quale ente stiamo parlando. Lo ritengo preliminare rispetto a discutere della persona che lo dovrebbe presiedere.

La Commissione per le Pari Opportunità fra donne e uomini è disciplinata nello Statuto regionale dell’Emila-Romagna all’art. 41, che è stato introdotto nello Statuto del 2005. Prima non esisteva.

Statuto regionale 2005 - Art. 41
1. La legge regionale istituisce, presso l’Assemblea legislativa, la Commissione per le Pari Opportunità fra donne e uomini, ne stabilisce la composizione ed i poteri, disciplinando le modalità che ne garantiscano il funzionamento.

La legge regionale prevista dall’art. 41 non risulta essere stata mai predisposta e dunque la Commissione non risulta essere ancora regolamentata.
La Commissione è prevista come organo del Consiglio Regionale – Assemblea legislativa (“presso”).
Ma è impostata come differenziata e sganciata dalle altre Commissioni assembleari, quelle previste dall’Art. 38 dello Statuto regionale:

“Le Commissioni assembleari
1. L’Assemblea legislativa istituisce Commissioni assembleari permanenti. Il numero, la composizione, le modalità di funzionamento e le competenze delle Commissioni sono disciplinate dal Regolamento.
2. È istituita per Statuto la Commissione bilancio, affari generali ed istituzionali. La Presidenza è attribuita alle opposizioni secondo le procedure definite dal Regolamento. (...)”.

Il REGOLAMENTO INTERNO DELL'ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELL'EMILIA-ROMAGNA – che disciplina appunto le commissioni assembleari dell’art. 38 - è stato emanato con DELIBERAZIONE DELL'ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA 28 novembre 2007, n. 143.

Tale regolamento non contiene alcun riferimento alla Commissione per le Pari Opportunità fra donne e uomini.
Per chiarezza, queste sono le attuali Commissioni Assembleari permanenti, di cui indico i relativi Presidenti:

1^ Commissione assembleare
Bilancio, Affari generali ed istituzionali Marco Lombardi (PDL)
2^ Commissione assembleare
Politiche economiche Franco Grillini (IDV-Lista Di Pietro)
3^ Commissione assembleare
Territorio, Ambiente, Mobilità Damiano Zoffoli (PD)
4^ Commissione assembleare
Politiche per la Salute e Politiche sociali Monica Donini (Federazione della Sinistra)
5^ Commissione assembleare
Turismo, Cultura, Scuola, Formazione, Lavoro, Sport Giuseppe Eugenio Pagani (PD)
6^ Commissione assembleare
Statuto e Regolamento Giovanni Favia (Movimento 5 Stelle Beppegrillo.it)
( l’elenco è tratto dalla pubblicazione “Il Filo di Arianna – 40 anni di Regione” a cura della Direzione generale dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna – Servizio legislativo e qualità della legislazione).

Dunque la Presidenza di cui ci fanno parlare (su cui si sta trattando “politicamente”!) è riferita a una Commissione prevista genericamente nel 2005, sinora non attuata e – del resto - nemmeno regolamentata.
L’inversione è evidente: si attribuisce una presidenza prima di definire e disciplinare l’organo!

Aggiungo che l’identità dell’organo “Commissione per le Pari Opportunità fra donne e uomini” (e il suo specifico ruolo di governo) deve essere determinata preliminarmente rispetto alla individuazione delle/dei componenti e ai giudizi di adeguatezza e idoneità delle/degli aspiranti. Questo vale non solo per la genericità del dettato statutario, ma anche per la ambiguità che sovente connota la dimensione istituzionale assunta dalle “Pari Opportunità”: uguaglianza? parità? non discriminazione? tra chi? di chi ?con chi?
Forse che la futura regolamentazione dell’organo sarà “ad personam”?

avv. Maria Virgilio

Leggi anche:
Una questione emiliana: Commissione Regionale P.O. e Silvia Noè di Giancarla Codrignani
A proposito della presidenza della Commissione Pari Opportunità della Regione Emilia Romagna

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna