Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


Attivo dall'8 marzo sul territorio nazionale il servizio di pubblica utilità Antiviolenza donna 1522

on .

Il servizio telefonico gratuito è stato istituito dal Ministero per le Pari Opportunità e punta a fornire una risposta ed un aiuto da parte delle istituzioni a tutte le donne che subiscono violenze e abusi, o hanno bisogno di un supporto a causa di condizioni di disagio.

Il servizio sarà in grado di fornire supporto un primo supporto specialistico di accoglienza ed assistenza psicologica e giuridica e di indirizzo verso le strutture pubbliche e private presenti sul territorio (centri antiviolenza, forze dell’ordine, strutture sanitarie).

“La violenza nei confronti delle donne è un male che purtroppo non conosce confini, - afferma la ministra Stefania Prestigiacomo - prescinde da cultura, censo, strutture sociali, colpisce le società avanzate e quelle meno progredite. Il nostro paese non è immune da questo male, che si consuma nella maggior parte dei casi all’interno della cerchia delle persone vicine alla vittima se non addirittura dentro le mura domestiche. C’è una forte esigenza di costruire attorno alle donne una rete di assistenza e sostegno. Per questo è stato attivato il 1522 numero verde nazionale antiviolenza sulle donne.

Il servizio punta a costituire un punto di contatto rapido e privilegiato fra le donne vittime di violenze e le istituzioni presenti sul territorio. La finalità di questo progetto – ha concluso - è anche quello di far emergere il sommerso che purtroppo è ancora vasto in questa dolorosa materia. Naturalmente questo servizio sarà di supporto anche alle donne extracomunitarie che sono, come le italiane, vittime di violenze o che vivono in condizioni di grave disagio o sopraffazione. Il 1522 costituisce una ‘rete’ per fornire ad ogni sos femminile la risposta più rapida, più adeguata, più vicina”.

Il progetto nasce dalla necessità di incrementare l’attenzione sociale ed istituzionale al problema della violenza contro le donne nonché dall’esigenza di definire in tale ambito modelli di intervento omogenei e diffusi, sperimentabili sull’intero territorio nazionale. Per il servizio di call center, multilingue ed operativo 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno, verrà utilizzato il codice di pubblica utilità “1522”. Il servizio è concepito in modo da poter garantire la massima coerenza e sinergia dell’attività del call center con la strategia e gli obiettivi sottesi alla creazione di una ‘rete nazionale antiviolenza’.

Nella gestione del servizio questa amministrazione si avvarrà del supporto operativo e dell’assistenza tecnica fornita dall’RTI Le Onde, Le Nove, COS Comunicazioni Spa, che si è aggiudicata il bando di gara d’appalto GUCE 5005/S 120 118610 del 24.06.2005 e che in questi mesi, insieme al Dipartimento, sta provvedendo a realizzare una mappatura aggiornata, consultabile mediante apposito data base, delle strutture pubbliche e private operanti a livello locale.

In particolare i servizi che verranno presi in considerazione per dare assistenza a chi si rivolgerà al 1522: le stazioni dei carabinieri; le questure; gli ospedali; i servizi territoriali delle Asl (area sociale, psicologica e ostetrico-ginecologica); i servizi sociali di competenza comunale, compresi quelli erogati dal privato sociale, che si occupano di accoglienza, assistenza e ospitalità a donne e minori vittime di violenza; i centri antiviolenza e le case rifugio.

(DwPress)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna