Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


Il tramonto della cittadinanza di Nadia Urbinati

on .

LA CITTADINANZA europea, il progetto politico più coraggioso di cui é stato capace il vecchio continente, subisce i colpi della crisi economica in due sensi: per gli effetti elefantiaci che le strutture euro-burocratiche hanno in tempi in cui ci sarebbe bisogno di coraggiose scelte politiche comunitarie; e per gli effetti regressivi causati dalla rinascita dei nazionalismi. La debolezza della politica comunitaria alimenta indirettamente la propaganda dei confini.

D.i.Re - Donne in Rete contro la violenza :: Diciamo NO alla finta democrazia partecipata del governo Renzi

on .

Il Dipartimento per le Pari Opportunità ha aperto lo scorso 10 dicembre una pubblica consultazione sul Piano straordinario contro la violenza sessuale e di genere. L’associazione nazionale D.i.Re, Donne in Rete contro la violenza, e i suoi oltre 70 centri antiviolenza non parteciperanno a questa concertazione e invitano la cittadinanza ad ignorare questa sollecitazione.

D.I.RE:: Comunicato di protesta contro le linee guida del Dpo che dettano requisiti minimi ai centri antiviolenza che ne mettono in crisi l'esistenza

on .

Centri Antiviolenza al centro delle politiche di contrasto alla violenza alle donne

Basta ostacoli alla legge 194! - Maria (Milli) Virgilio

on .

Ha subito negli anni e sotto varie forme un costante boicottaggio. L’intervento del presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, che modifica il ruolo dell’obiezione di coscienza per il personale dei consultori, rappresenta un passo nella giusta direzione

Obiezione di coscienza, il vento sta cambiando? - di Federica Grandi

on .

Una delibera della Regione Lazio elimina ogni ambiguità sui consultori, dove non si può obbiettare allo svolgimento delle attività preliminari all'interruzione di gravidanza. E chiarisce che la contraccezione, compresa quella di emergenza, non può essere oggetto del rifiuto. Restano però da riorganizzare le strutture ospedaliere in modo da non compromettere l'applicazione della 194