Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


Gender gap e violenza sociale di Mariangela Mombelli

on .

Estate 2015, la più calda di sempre. Nelle campagne si muore: il pegno da pagare per avere sulle nostre tavole l’uva e i pomodori. Nelle campagne pugliesi non muoiono soltanto gli immigrati, come Mohammed, il bracciante sudanese, morto per il caldo e l’affaticamento mentre raccoglieva pomodori a 2,50 euro l’ora. Nelle campagne pugliesi muoiono anche le donne: Paola, 49 anni, italiana, madre di tre figli, lavorava sotto un telone all’acinellatura, l’eliminazione degli acini più piccoli dai grappoli d’uva, per 25 euro al giorno.

Online il documentario Con la testa, con le mani di Stefano Mazza e Maddalena Vianello

on .

Il documentario nasce nell’ambito del progetto di ricerca SONIA la meccanica delle donne, promosso da Officina Emilia e coordinato da Maddalena Vianello. Il progetto intende indagare le condizioni di lavoro e di vita delle donne che oggi sono occupate nel distretto della meccanica modenese, riportando al centro del dibattito il lavoro come valore e fonte di innovazione.

Corrente Alternata: Le conversazioni precarie

on .

Venerdì 1 Giugno in piazza Ghiberti a Firenze presso las Palmas, si sono svolte le conversazioni precarie fra: Ilaria Agostini del CPU, Coordinamento nazionale Precari dell'Università, Roberta Ferri di ∫connessioni precarie e Chiara di Welfare Precario (Bologna), Markos Vogiatzoglou del Collettivo Prezzemolo-Istituto Europeo di Firenze, Leonardo Croatto di FLG CGIL Firenze e Enza Panebianco di Femminismo a Sud.

EmiliAmo: 100 donne imprenditrici e negozianti unite per fare business

on .

Se cento vi sembran poche. Sono le donne del cratere. Le mogli e le mamme, ma anche le imprenditrici e le negozianti. Della Bassa Modenese e dell'Alto Ferrarese. E, appena fuori dal raggio della morte e della distruzione del terremoto, di Modena.

Il dossier Vite, lavoro, non lavoro delle donne

on .

Il dossier, curato da Eloisa Betti, è stato realizzato a partire dal convegno Vite, lavoro, non lavoro delle donne, promosso dalla rete “Se non ora quando?” a Bologna il 3­-4 marzo 2012