Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


L'8 marzo a Bologna noi scioperiamo!

on .

L'8 marzo a Bologna noi scioperiamo!

L'8 marzo in più di 70 paesi nel mondo le donne scioperano contro la violenza maschile sulle donne e tutte le forme di violenza di genere, per denunciare che la violenza è strutturale e ribadire che il cambiamento sociale per sconfiggerla deve essere complessivo e radicale.

In Italia la mobilitazione verso lo sciopero è partita con una nuova grande manifestazione, indetta da Non Una di Meno lo scorso 25 novembre 2017 a Roma, in cui più di 100.000 donne hanno attraversato le piazze e le strade della città per rivendicare la libertà di decidere del proprio corpo e della propria vita e per presentare il Piano Femminista Anti-violenza. scritto in un anno di lavoro da migliaia di donne da tutta Italia

Il Piano Femminista si pone come principali obiettivi: la piena autonomia dei centri antiviolenza, l'educazione alle differenze di genere in ogni ordine e grado formativo, la trasformazione radicale dell'immaginario mediatico, un reddito di autodeterminazione, un welfare basato sull'individuo e non sulla famiglia, la libertà di movimento delle/dei migranti, l'abolizione dell'obiezione di coscienza all'IVG, il ruolo politico dei consultori e la loro apertura ai bisogni e ai desideri delle donne e delle soggettività LGBTQ.

L'Associazione Orlando sostiene fortemente questo percorso a livello locale, nazionale e internazionale, perché crede sia urgente una forte mobilitazione femminista capace di mettere in discussione le fondamenta di un sistema economico e sociale ancora incentrato sul ruolo dominante del maschio eterosessuale bianco e, soprattutto, capace di costruire nuovi immaginari sociali e culturali, a partire dal garantire una reale libertà riproduttiva, sessuale e affettiva di tutti i corpi.

Da sempre l'Associazione Orlando ha lavorato molto e ha promosso numerose iniziative sull'autodeterminazione nel campo della salute (libertà di scelta, accesso all’aborto, diritti alla non riproduzione), sulla critica al neoliberismo e sulla crisi del lavoro e del welfare, sulle relazioni internazionali con donne in luoghi di guerra e di conflitti, sulla modalità concrete di supportare le donne migranti sul territorio.

L'Associazione Orlando partecipa allo sciopero dal lavoro produttivo e riproduttivo, e invita a interrompere la quotidianità caratterizzata dal lavoro sempre meno tutelato e sempre più precario, a sospendere tutte le attività di cura e riappropriarsi dei propri spazi e tempi di vita.

Rilancia gli appuntamenti della mattina alle 9.00 in Piazza Maggiore e del corteo pomeridiano alle 18.00 in Piazza Nettuno.

#noiscioperiamo
#wetoogether
#nonunadimeno
aaaaa