Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


La buona informazione contro il sessismo: le giornaliste di Giulia ci mettono la faccia - di Monica Lanfranco

on .

Senza finanziamenti, solo con lavoro fatto online, a furia di brainstorming effettuati da casa alle ore più strane, da donne che cercano di fare un mestiere spesso poco (o nulla) pagato e non sempre gratificante, ma che è centrale nella formazione dell’opinione pubblica e quindi anche degli stereotipi di genere: è così che è nato lo spot Io me ne curo, e tu?

Paestum 2013 – Report dell’incontro a Bologna del 22 giugno - di Femminile Plurale

on .

Si terrà a Paestum venerdì 4, sabato 5 e domenica 6 ottobre il prossimo incontro nazionale del femminismo. Questa la decisione cui siamo arrivate nel tardo pomeriggio di sabato 22 giugno, a conclusione dell’intenso incontro, partecipato da più di cinquanta donne, tenutosi a Bologna presso la sede dell’Associazione Orlando, nel Convento di Santa Cristina in via del Piombo 5.

Perchè è il momento di essere sovversive - appunti di due attiviste verso l’incontro bolognese del 22 giugno. Di Angela Balzano e Marinella Ciullo

on .

Crediamo che il presente che ci troviamo a vivere come donne, in Italia, sia un momento storico abbastanza particolare. Ci piace usare una parola che deriva dal greco per descrivere i giorni presenti, una piccola parola che suona molto bene alle orecchie: kairòs. Kairòs significa “momento opportuno” .

Femminicidio, lo sciopero delle donne di Monica Lanfranco

on .

“Scioperiamo. Per fermare la Cultura della violenza”: sette parole per fare una proposta che farà discutere, potrà piacere o meno, sembrare anacronistica, inutile, naif, idealista, fastidiosamente utopica e poco realista.

Quando si dice donna per dire umanità di Monica Lanfranco

on .

Già da aprile, (ma la notizia viene rilanciata solo ora), all’Università di Lipsia, una delle più autorevoli in Germania, è in uso il femminile, anche per gli uomini, per indicare i ruoli svolti negli atenei, e i biglietti da visita, i siti web e la carta intestata dovranno essere aggiornati alla luce di questa rivoluzione linguistica: la professora (o professoressa), la ricercatrice, la rettora o rettrice sono le parole usate per individuare chiunque, docenti maschi compresi.