Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


Quando si dice donna per dire umanità di Monica Lanfranco

on .

Già da aprile, (ma la notizia viene rilanciata solo ora), all’Università di Lipsia, una delle più autorevoli in Germania, è in uso il femminile, anche per gli uomini, per indicare i ruoli svolti negli atenei, e i biglietti da visita, i siti web e la carta intestata dovranno essere aggiornati alla luce di questa rivoluzione linguistica: la professora (o professoressa), la ricercatrice, la rettora o rettrice sono le parole usate per individuare chiunque, docenti maschi compresi.

Il grande cuore di Franca di Monica Lanfranco

on .

Per chi appartiene alla generazione degli anni ‘60, per chi ha fatto politica e attivismo a sinistra e nei movimenti delle donne Franca Rame è stata prima di tutto una voce, e un corpo. La sua parole scandite con voce arrochita nei teatri italiani, la sua presenza scenica potente, pure nella strabordante preminenza di quella del suo compagno Dario Fo sono vivissime nella mente di chi ebbe la fortuna di ascoltarle.

Don, se non fossi un prete... di Monica Lanfranco

on .

Ero a Bologna alla presentazione del mio libro quando sui cellulari di alcune persone che erano con me è arrivata la notizia della morte di Don, e i volti si son fatti tristi. Mi son salite le lacrime, nonostante fossero giorni che si sapeva che il momento stava arrivando, e ci si stava preparando all’evento, inutilmente, perché la morte è sempre ospite inattesa.

#TISALUTO

on .

#TISALUTOGiorgia Vezzoli propone e noi pubblichiamo: In Italia l'insulto sessista è pratica comune e diffusa. Dalle battute private agli sfottò pubblici, il sessismo si annida in modo più o meno esplicito in innumerevoli conversazioni.

Quel museo rosa è una casa chiusa di Monica Lanfranco

on .

Perché potrebbe essere utile portare una bambina, (o un bambino) a visitare il primo museo europeo, sito a Berlino (ce n’è già uno in Usa) che riproduce a grandezza umana l’abitazione della più famosa bambola del mondo, la Barbie? Perché toccare con mano l’inutile e il dannoso, usando criticamente lo sguardo sulla realtà che l’umanità produce è, talvolta, un passaggio educativo importante.