Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


Paestum 2013 – Report dell’incontro a Bologna del 22 giugno - di Femminile Plurale

on .

Si terrà a Paestum venerdì 4, sabato 5 e domenica 6 ottobre il prossimo incontro nazionale del femminismo. Questa la decisione cui siamo arrivate nel tardo pomeriggio di sabato 22 giugno, a conclusione dell’intenso incontro, partecipato da più di cinquanta donne, tenutosi a Bologna presso la sede dell’Associazione Orlando, nel Convento di Santa Cristina in via del Piombo 5.

Perchè è il momento di essere sovversive - appunti di due attiviste verso l’incontro bolognese del 22 giugno. Di Angela Balzano e Marinella Ciullo

on .

Crediamo che il presente che ci troviamo a vivere come donne, in Italia, sia un momento storico abbastanza particolare. Ci piace usare una parola che deriva dal greco per descrivere i giorni presenti, una piccola parola che suona molto bene alle orecchie: kairòs. Kairòs significa “momento opportuno” .

Femminicidio, lo sciopero delle donne di Monica Lanfranco

on .

“Scioperiamo. Per fermare la Cultura della violenza”: sette parole per fare una proposta che farà discutere, potrà piacere o meno, sembrare anacronistica, inutile, naif, idealista, fastidiosamente utopica e poco realista.

Quando si dice donna per dire umanità di Monica Lanfranco

on .

Già da aprile, (ma la notizia viene rilanciata solo ora), all’Università di Lipsia, una delle più autorevoli in Germania, è in uso il femminile, anche per gli uomini, per indicare i ruoli svolti negli atenei, e i biglietti da visita, i siti web e la carta intestata dovranno essere aggiornati alla luce di questa rivoluzione linguistica: la professora (o professoressa), la ricercatrice, la rettora o rettrice sono le parole usate per individuare chiunque, docenti maschi compresi.

Il grande cuore di Franca di Monica Lanfranco

on .

Per chi appartiene alla generazione degli anni ‘60, per chi ha fatto politica e attivismo a sinistra e nei movimenti delle donne Franca Rame è stata prima di tutto una voce, e un corpo. La sua parole scandite con voce arrochita nei teatri italiani, la sua presenza scenica potente, pure nella strabordante preminenza di quella del suo compagno Dario Fo sono vivissime nella mente di chi ebbe la fortuna di ascoltarle.