Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


Un chiarimento su Paestum di Lea Melandri

on .

Care amiche, ho risposto alla sollecitazione sulla presenza degli uomini all’incontro di Paestum con un intervento su questo blog che era stato ritenuto anche dalle donne della Libreria di Milano una buona “mediazione”. Rimando perciò a quanto già scritto: Paestum 2013 è un incontro di singole, gruppi, associazioni e altro del femminismo, per tentare di trovare nessi tra le nostre diverse pratiche e per costruire relazioni fra donne di generazione diverse. Quindi, per maggiore chiarezza: non è un convegno donne e uomini, come altri che ci sono già da anni e a cui alcune di noi hanno partecipato, ma, come è avvenuto lo scorso anno, se verranno uomini, non saranno mandati via (compagni, mariti o uomini con cui si condividono pratiche politiche, ecc.).

This is a man’s world di di Laura Capuzzo, Ilaria Durigon, Chiara Melloni

on .

Paestum come luogo delle donne e per le donne «...ora che s’era liberata dalla falsità, la giovane donna non aveva che da essere se stessa. Ah, ma che cos’è «se stessa»? Voglio dire: che cos’è una donna? Vi assicuro che io non lo so. Né credo che lo sappiate voi...» (Virginia Woolf, Professioni per le donne)

Ebook @ women - è online la libreria digitale femminista

on .

Ebook @ women.it è un’iniziativa dell’Associazione di donne Orlando di Bologna, in collaborazione con il Server Donne, la Biblioteca Italiana delle Donne e l’Archivio di Storia delle Donne. Il progetto si pone l’obiettivo di pubblicare e diffondere riviste storiche e contemporanee del femminismo italiano in formato elettronico.

In ricordo di Tiziana Sgaravatto, di Raffaella Lamberti e Grazia Negrini

on .

Care Tutte, ieri ho appreso che Tiziana Sgaravatto se ne è andata. Naturale rivolgermi a Grazia Negrini e mandarvi poche righe con lei.

Paestum 2013 :: Adesioni - perché ci sarò di Lea Melandri

on .

Care amiche, pensavo che i due report dell'incontro di Bologna fossero tali da chiarire che la decisione di un Paestum 2013 è stata condivisa dalle presenti (una settantina circa, di città, generazioni, gruppi e associazioni diverse) sulla base del significato nuovo che gli si voleva dare, perchè non fosse una replica del precedente: cioè il fatto che fossero le "femministe storiche di generazioni diverse" - come le ha chiamate qualcuna per evitare la contrapposizione giovani e anziane - a promuoverlo, scrivere la lettera invito, indicare temi e modalità di lavoro più vicini ai loro interessi, alle loro esperienze.