Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


Donne al lavoro. Una flessibilità femminista? Di Maria Grazia Campari

on .

Il Gruppo lavoro della Libreria delle donne di Milano ha invitato tutti i luoghi e gruppi di donne che si interessano al tema a discutere nello stesso giorno, sabato 24 Ottobre 2009, l'ultimo numero di Sottosopra IMMAGINA CHE IL LAVORO. Un manifesto del lavoro delle donne e degli uomini scritto da donne e rivolto a tutte e tutti perché il discorso della parità fa acqua da tutte le parti e il femminismo non ci basta più. L’iniziativa bolognese si svolge alla Libreria delle Donne a partire dalle ore 16.30, e Orlando vi prenderà parte. Nell’occasione, riceviamo due scritti rispettivamente di Lea Melandri e di Maria Grazia Campari che volentieri pubblichiamo per arricchire il confronto con punti di vista diversi sull’argomento.

Perché non intendo firmare di Lea Melandri

on .

Riceviamo e pubblichiamo la risposta di Lea Melandri in relazione all'appello Quest'uomo offende noi donne e la democrazia: FERMIAMOLO di Repubblica.

Il corpo fuori posto. Di Giovanna Capelli e Erminia Emprin Gilardini

on .

Riceviamo e pubblichiamo questa riflessione di Giovanna Capelli ed Erminia Emprin Gilardini.

Italia, potere, voce delle donne, dell'Associazione Affinità Lettive

on .

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il comunicato dell'Associazione Affinità Lettive nel quale abbiamo ravvisato la medesima volontà di dare luogo ad una forte azione di donne che anima anche noi Associazione Orlando e Centro di Documentazione Ricerca e Iniziativa delle Donne della Città di Bologna, che Orlando gestisce. Ricordiamo che, dopo vari incontri di associazioni e gruppi di Bologna presso il Centro, abbiamo convocato per lunedì 21 settembre alle 20:30 (presso il Centro delle donne, nella sala Internet di via del Piombo 5) un incontro cittadino per riprendere il dibattito e soprattutto per prendere decisioni sulle iniziative.

Il Presidente forzatamente nostro di Graziella Poluzzi

on .

Come donna e come cittadina italiana sono arcistufa di sopportare colui che si ritiene “il miglior capo di governo degli ultimi 150 anni della storia nazionale.”
aaaaa