Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


Risorse in rete per la documentazione di genere in Europa

on .

Le librerie, i centri di documentazione e gli archivi delle donne sono stati tra i primi soggetti a investire nella digitalizzazione e nella presenza in rete. Consapevoli della fragilità e della dispersione del patrimonio archivistico della cultura delle donne, i centri per la documentazione di genere in Europa hanno da subito intravisto il potenziale della rete ideando progetti e strumenti innovativi.

La stabilità dei ponti e la velocità dei contrabbandieri. Intervista ad Angela Balzano traduttrice de Il Postumano di Rosi Braidotti. A cura di Daniela Allocca

on .

Dal portale Il Porto di Toledo, pubblichiamo l'intervista a Angela Balzano: Venerdì 28 novembre incontriamo per un'intervista skype Angela Balzano dottoranda presso il CIRSFID - Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università di Bologna, traduttrice, tra l'altro, dell'ultimo libro di Rosi Braidotti: “Il postumano. La vita oltre l'individuo, oltre la specie, oltre la morte”, edito da DeriveApprodi nel 2014, ma traduttrice anche di La vita come plusvalore di Melinda Cooper edito da Ombre Corte nel 2013.

Società Italiana delle Letterate :: La storia che verrà :: Roberta Mazzanti

on .

Dieci anni fa, nel 2004, Elda Guerra affermava che la storia del femminismo italiano era ancora da scrivere e Anna Rossi-Doria avanzava le sue "ipotesi per una storia che verrà".

Non potrai mai D.i.Re di essere sola!

on .

Questa campagna dell’Assocazione D.i.Re, lanciata per il 25 novembre 2014, Giornata mondiale contro la violenza alle donne, è stata ideata da Mery Pettinari e Barbara Rossi dell'Agenzia Bluefactor che hanno messo la loro professionalità, passione e impegno ad accogliere le nostre idee e chieste in modo volontario e gratuito. Le foto sono di operatrici e volontarie dei Centri antiviolenza di D.i.Re impegnate da anni nella lotta contro la violenza alle donne.

E lo chiamano giornalismo di Monica Lanfranco

on .

Estate 2007, Parigi: a usare la parola ‘salope’, (una variante di putain, puttana, ma lievemente più forbita) è stato Patrick Devedjian, segretario del partito del capo dello Stato Nicolas Sarkozy, che si stava compiacendo con il parlamentare del suo schiaramento, Michel Havard, per aver battuto Anne-Marie Comparini, ex deputata dell’Udf, il partito centrista di Francois Bayrou. Entrambi erano infatti candidati alle allora legislative a Lione. Il video li ritrae belli tronfi, gran pacche sulle spalle, quel tipico atteggiamento fisico dei maschi che indicano con il linguaggio del corpo, prima ancora che con le parole, che sono consapevoli del dominio che posseggono e che esercitano legittimamente: Dio, la Patria e l’essere possessori di un pene li rende ciò che sono.