Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


archivio di tutti gli articoli

Crescono le adesioni dei Centri universitari e ospedalieri al primo studio di Medicina di Genere

on .

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del primo studio di Medicina di Genere in Italia.

Sul sito www.medicinagenere.org l’annuncio: arruolato in anticipo il primo paziente di ‘Gender Attention’, studio osservazionale che investiga la differenza di genere negli effetti collaterali dei farmaci nei pazienti affetti da psoriasi a placche.

Roma, 5 luglio 2011 – Ai nastri di partenza ‘Gender Attention’, il primo studio osservazionale promosso da Novartis nell’ambito della Medicina di Genere: con anticipo rispetto alla tabella di marcia, il 26 maggio è stato arruolato presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese il primo paziente che parteciperà allo Studio, promosso da Novartis con l’obiettivo di valutare in modo specifico l'influenza del genere sulla differente incidenza di effetti collaterali in persone affette da psoriasi e in trattamento farmacologico come da pratica clinica con ciclosporina. L’annuncio in anteprima di questo primo importante successo è riportato su www.medicinagenere.org, il sito web realizzato con il Patrocinio scientifico del GISeG - Gruppo Italiano Salute e Genere che offre tutte le informazioni e gli approfondimenti sulla Medicina di Genere e lo studio ‘Gender Attention’.

“Il grande interesse che lo studio ‘Gender Attention’ sta suscitando nei ricercatori conferma la crescente attenzione rivolta verso la Medicina di Genere e, soprattutto, segnala come la classe medica stia prendendo sempre più consapevolezza delle influenze che il genere ha sulla salute” – afferma Flavia Franconi, Professore ordinario di Farmacologia Cellulare all’Università di Sassari, capofila in Italia degli studi sulla Medicina di Genere e Presidente di GISeG - Gruppo Italiano Salute e Genere – “anche per questo spero che lo Studio promosso da Novartis possa essere d’esempio per progettare altri studi clinici osservazionali e non, focalizzati sul genere. A questo punto, dopo l’avvio positivo dell’arruolamento allo studio, ne aspettiamo con attenzione i risultati”. Lo studio ‘Gender Attention’, promosso da Novartis, ha suscitato un notevole entusiasmo tra i Centri universitari e ospedalieri di Dermatologia coinvolti, che sono passati da 50 a 54; inoltre, cosa del tutto insolita, si è reso necessario creare una sorta di “lista d’attesa” per le altre strutture che hanno presentato richiesta d’inserimento nello Studio. Cinque Centri hanno già concluso l’iter autorizzativo e sono dunque attivi, fra cui l’Ospedale di Siena che ospiterà il primo paziente arruolato, e sono in via di definizione le pratiche autorizzatorie e amministrative che sottopongono lo Studio al vaglio dei Comitati Etici dei Centri.

Inoltre, i tempi con cui i Centri hanno confermato la partecipazione allo Studio sono stati letteralmente dimezzati rispetto agli usuali tempi di adesione: in 5 settimane si è registrato il 100% delle adesioni, a fronte di una media che è di circa 10-12 settimane, segno tangibile del vivo interesse della comunità scientifica verso gli studi di Medicina di Genere, confermato dai medici che in prima persona promuovono il progetto nei loro Centri d’afferenza. Come rileva Aurora Parodi, Direttore della Clinica Dermatologica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “San Martino” di Genova e Responsabile del Centro Coordinatore di ‘Gender Attention’, “i medici italiani hanno mostrato di apprezzare l’innovazione rappresentata da uno studio osservazionale di questo tipo, con il quale si possono valutare gli effetti della patologia e del corrispondente trattamento terapeutico, tenendo conto del fattore genere”.

Saranno 1.200 i pazienti affetti da psoriasi a placche in trattamento farmacologico con ciclosporina che parteciperanno allo studio: 800 donne, delle quali 400 in età fertile e 400 in menopausa, e 400 uomini. L’obiettivo primario è quello di rilevare eventuali differenze tra genere femminile e maschile nel tasso d’incidenza degli effetti collaterali procurati dal trattamento con ciclosporina ed esplorare l’esistenza di eventuali relazioni tra effetti collaterali e differenti profili ormonali.

“Con l’avvio dello studio 'Gender Attention'" – dichiara Maria Delia Colombo, Scientific Alignment Manager, Novartis Farma, Italia – "Novartis offre un contributo concreto al consolidamento dei principi della Medicina di Genere nell’osservazione clinica e rilancia il suo impegno a prendersi cura della salute dei pazienti, nel rispetto delle loro specificità attraverso la ricerca costante e l’affinamento della conoscenza delle molecole, anche quelle già ampiamente accreditate, come nel caso della ciclosporina”.

Maggiori informazioni sullo studio ‘Gender Attention’ su www.medicinagenere.org

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna