Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


Magazine

Il magazine del Server Donne ha l'obiettivo di pubblicare contenuti, fare informazione e produrre riflessioni in chiave sessuata per caratterizzare la presenza delle donne nei nuovi media e raccogliere/diffondere altre voci, altre visioni, altre idee. Non solo organo di informazione multimediale, ma vera e propria presenza "politica" con l'intento di creare un nuovo linguaggio di comunicazione con codici grafici e comunicativi specifici e personali.

Risorse in rete per la documentazione di genere in Europa

on .

Le librerie, i centri di documentazione e gli archivi delle donne sono stati tra i primi soggetti a investire nella digitalizzazione e nella presenza in rete. Consapevoli della fragilità e della dispersione del patrimonio archivistico della cultura delle donne, i centri per la documentazione di genere in Europa hanno da subito intravisto il potenziale della rete ideando progetti e strumenti innovativi.

La stabilità dei ponti e la velocità dei contrabbandieri. Intervista ad Angela Balzano traduttrice de Il Postumano di Rosi Braidotti. A cura di Daniela Allocca

on .

Dal portale Il Porto di Toledo, pubblichiamo l'intervista a Angela Balzano: Venerdì 28 novembre incontriamo per un'intervista skype Angela Balzano dottoranda presso il CIRSFID - Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università di Bologna, traduttrice, tra l'altro, dell'ultimo libro di Rosi Braidotti: “Il postumano. La vita oltre l'individuo, oltre la specie, oltre la morte”, edito da DeriveApprodi nel 2014, ma traduttrice anche di La vita come plusvalore di Melinda Cooper edito da Ombre Corte nel 2013.

D.i.Re - Donne in Rete contro la violenza :: Diciamo NO alla finta democrazia partecipata del governo Renzi

on .

Il Dipartimento per le Pari Opportunità ha aperto lo scorso 10 dicembre una pubblica consultazione sul Piano straordinario contro la violenza sessuale e di genere. L’associazione nazionale D.i.Re, Donne in Rete contro la violenza, e i suoi oltre 70 centri antiviolenza non parteciperanno a questa concertazione e invitano la cittadinanza ad ignorare questa sollecitazione.