Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


Presentazione del libro di Deborah Brizzi :: La stanza chiusa

 
Milano 

Visite : 76 

 

Bibliomediateca presenta
La stanza chiusa di Deborah Brizzi(Mondadori Electa SpA, Milano, 2018)

Giovedì 17 gennaio | 18.30
Spazio da vivere della Casa delle Donne
Via Marsala, 8 - Milano

Dialogherà con l'autrice Nicoletta Gandus

In "La stanza chiusa" il male è l’insieme delle forme di violenza: del potere e sociali, familiari e di genere. Il noir affonda il bisturi nelle patologie della realtà. Ma la vendetta non spezza la spirale malefica. Per salvarsi occorre mantenere una parte di sé non contaminata e permeabile alla relazione e all’amore.

Anche la poliziotta protagonista, Norma Gigli, fa costantemente i conti con la sua parte oscura. La sua indipendenza e caparbietà rendono la sua vita professionale e personale una lotta costante. Norma è una fautrice della verità: solo riuscendo a praticarla e a ristabilirla, nelle relazioni e nelle indagini, si può sperare di contrastare il male e di conquistare rapporti più autentici. Norma Gigli in questa storia entra con tutta se stessa, compresa la sensibilità i cui costi pagherà nel corso dell’indagine. Cacciatore e  preda nello stesso tempo, l’ispettrice dipana la storia mettendo in campo le migliori risorse: tenacia, intuizione, forza e quando necessario capacità di trasgredire a regole ingabbianti.

Il ritmo diventa via via più incalzante, arriva alla tensione che precede la catarsi. Brizzi sa come tenere sotto controllo numerosi e complessi fili, sa delineare con abilità numerosi  personaggi, sa svelare in modo  progressivo e ben calibrato i moventi di azioni e comportamenti. La tensione è data non dallo svelamento finale del colpevole, in un labirinto di indiziati, ma dal portare i lettori a prendere posizione, a sentirsi parte della storia.

La Milano della Brizzi è la Milano vista da una donna giovane, che la vive in tutti i suoi aspetti, ne conosce recessi e scorci peculiari. Le donne non sono più “parlate” da altri  ma sembrano trovare una loro lingua, che è anche quella della scrittrice-poliziotta: si fondono nel libro persona e personaggio.

  Share

indietro

aaaaa