Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


Presentazione del libro :: La comunicazione di genere. Prospettive teoriche e buone pratiche

 
Bologna 

Visite : 59 

 

 Presentazione del libro

 La comunicazione di genere. Prospettive teoriche e buone pratiche di Saveria Capecchi, Carocci 2018

 Martedì 25 settembre | 18.00

 Centro delle donne/Biblioteca Italiana delle donne

 Via del Piombo, 5 - Bologna

 Dialogano con l'autrice

 Leda Guidi e Linda Serra

 

Il libro

Lei: dedita al lavoro di cura, incline al sacrificio, accomodante, remissiva, insicura, fragile, incapace di pensiero astratto, emotiva, poco affidabile; lui: atto al comando, portato per i mestieri rudi e all’aria aperta, competitivo, coraggioso, forte, protettivo, intraprendente, razionale. Molteplici sono gli stereotipi sessisti e le disuguaglianze tra uomini e donne che persistono in ambito pubblico e privato. Nonostante i concetti e i principi femministi abbiano via via influenzato numerosi settori disciplinari, le politiche pubbliche e aziendali, oltre che i contenuti dei media, solo ultimamente in Italia istituzioni, associazioni ed enti pubblici, no profit, privati e il sistema dell’informazione promuovono buone pratiche finalizzate alla comunicazione in ottica di genere, all'”empowerment” femminile, al “work-life balance”. Ripercorrendo le fasi attraversate dal pensiero femminista, il libro evidenzia alcuni nodi teorici – sesso/genere, uguaglianza/differenza, femminismo/postfemminismo – su cui è utile riflettere per comunicare in maniera consapevole e responsabile, valorizzando il genere femminile, e le soggettività che oscillano tra i due generi, sul piano simbolico e culturale.

 

Saveria Capecchi

È Professoressa associata per il settore scientifico-disciplinare “Sociologia dei processi culturali e comunicativi”, presso il Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Bologna, Scuola di Scienze politiche. Ha scritto libri e saggi e svolto ricerche (principalmente con l’utilizzo di una metodologia qualitativa) su: teorie dei media, audience studies, media and gender studies (rappresentazione di genere nella pubblicità, nella fiction, nell’informazione), comunicazione in ottica di genere. Tra le pubblicazioni più importanti ricordiamo “Identità di genere e media” e “L’audience attiva. Effetti e usi sociali dei media”.

 Leda Guidi

Professoressa a contratto in “Teoria e tecniche della Comunicazione pubblica”. Cofounder della Rete Civica Iperbole, fino al 2015 dirigente dell’Agenda Digitale del Comune di Bologna e del progetto Iperbole2020. Attività giornalistica, formativa, consulenziale e di progettazione europea. Relatrice a seminari e conferenze su partecipazione on line e uso pubblico/comunitario nelle sedi della Commissione europea e in diversi contesti accademici, NGO, fondazioni e enti di ricerca internazionali. Membro del Direttivo dell’Associazione italiana per la Comunicazione Pubblica e Istituzionale e del Consiglio delle Responsabili dell’Associazione Orlando. Membro esperto dell’Associazione francese “Villes Internet”. Temi attuali di approfondimento: le ICT per comunità intelligenti e “gender balanced”, i diritti digitali e i beni comuni.

 Linda Serra

Fondatrice di Girl Geek Dinners Bologna, inizialmente gruppo tutto al femminile per appassionate di Internet e New Media, diventa presidente di un’associazione volta all’emancipazione femminile sia professionale che personale tramite gli strumenti digitali. È grazie a questa esperienza e all’organizzazione di eventi di richiamo locale e nazionale che viene contattata dall’Ambasciata degli Stati Uniti con cui collabora a tutt’oggi per partecipare al progetto Women in Technology. Lavora come Digital Strategist per importanti brand internazionali, e oggi è anche CEO e Presidente di Work Wide Women, piattaforma che intende promuovere l’empowerment femminile attraverso il sapere tecnologico/digitale.

 

  Share

indietro

aaaaa